SestoToday

Il canile del Termine ha bisogno di scatolette per i suoi cani e gatti

Cibo secco, crocchette, ma anche lettiere. La presidente Mazzoni oltre all'allarme scorte, lancia anche l'emergenza stalli. "Abbiamo bisogno di persone che possano ospitare i cani, il canile penserà alla parte sanitaria ed alla alimentazione"

Cibo secco e scatolette per gli ospiti del Canile del Termine gestito dall'Unione amici del cane e del gatto. E' questo l'allarme che fa la presidente Cosetta Mazzoni e che è anche postato sul gruppo facebook dell'associazione.

“Abbiamo bisogno che qualcuno gentilmente ci aiuti. Non grandi quantitativi, ma di media qualità. Sia cibo medicalizzato che cibo per cuccioli che in questo momento è la necessità più impellente”.

Oltre al cibo, le scorte del magazzino sono praticamente esaurite, il canile ha bisogno anche di lettiere, per i nuovi arrivati.

Una realtà che ospita circa un centinaio di cani di tutte le razze e taglie e che non accoglie solo i cani ed i gatti abbandonati, ma che si occupa anche dei cani che provengono dalle altre regioni, come spiega la presidente Cosetta Mazzoni. “Oltre ad occuparci dei cani delle persone che non hanno possibilità di continuare a tenere l'animale, da noi arrivano anche cani dalle altre regioni, principalmente da Roma in giù. Noi cerchiamo e procuriamo loro degli stalli, persone che possono ospitarli. Per il cibo e la parte medico sanitaria ci pensiamo in toto noi del canile. Ne arrivano oltre un centinaio l'anno”.

Per informazioni su come portare il cibo, adozioni o altre notizie si può chiamare il numero 347 8345299 o visitare il sito www.unioneamicidelcaneedelgatto.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Via Baracca: vinti 500mila euro con un "Gratta e Vinci"

  • Coronavirus: anche in Toscana nuove misure per chi torna dalla Cina

  • Lavoro: concorso per 84 assunzioni in Regione Toscana

  • Donna morta in hotel: "gioco erotico finito male", indagato il compagno

  • Coronavirus, mistero sulla comitiva "fantasma" rientrata a Firenze dalla Cina

Torna su
FirenzeToday è in caricamento