SestoToday

Sesto Fiorentino: sequestrate 5000 borse contraffatte, per un valore di oltre 400 mila euro

La merce contraffatta, Gucci e Gabs, era stoccata in due magazzini nell'area dell'Osmannoro. Il titolare dell'attività è stato denunciato per i reati di importazione e commercio prodotti contraffatti

Le borse sequestrate dalla Guardia di Finanza

Sequestrate 5000 borse provenienti dalla Cina per un valore di oltre 400 mila euro. Il sequestro è avvenuto ad opera della Guardia di Finanza di Firenze nell'area industriale dell'Osmannoro nel comune di Sesto Fiorentino. La merce contraffatta, false Gucci e Gabs, si trovava presso una ditta gestita da un cittadino di origine cinese che è stato denunciato all'autorità giudiziaria fiorentina per i reati di importazione e commercio prodotti contraffatti.

Gli uomini delle Fiamme Gialle sono arrivati alla merce dopo avere notato le borse esposte in uno showroom fiorentino. Dal negozio non autorizzato alla vendita degli articoli i finanzieri sono risaliti al grossista che lo riforniva, individuando così i due magazzini dove erano tenute le borse. Sono ancora in corso alcuni accertamenti per risalire ai luoghi di produzione della merce.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tramvia: il rendering con tutte le fermate della linea 3.2 / FOTO

  • Cronaca

    Matteo Renzi sull'arresto dei genitori: “Un capolavoro mediatico”

  • Cronaca

    Ataf rivoluzione: ecco gli autobus della 'flotta ecologica' / FOTO

  • Cronaca

    Tragedia a Calenzano: 21enne muore in polisportiva

I più letti della settimana

  • "Quattro ristoranti": la trattoria che ha detto "no" allo chef Borghese

  • Alessandro Borghese a Firenze: ecco i "Quattro ristoranti" in gara

  • Tramvia: linea 2 strapiena, la protesta di un fiorentino

  • Incendio all'Uci Cinemas di Campi Bisenzio: evacuate 1200 persone

  • Morto Salvatore Spera: il re della pizza a Firenze

  • Tramvia, la Soprintendenza: “La linea per Bagno a Ripoli così non si può fare”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento